Area Riservata

Supporti creativi e colori metallizzati

L'inchiostro speciale Silver Ink non produce soltanto il colore argento ma è la base con cui creare una vasta moltitudine di colori dall'effetto metallizzato in stampa digitale HP Indigo.
Lo standard prevede una combinazione di colori CMYK stampati su carta patinata lucida, supporto che, aumentando la riflessione delle zone stampate produce il migliore risultato metallizzato.

Nell'ambito delle attività di Ricerca&Sviluppo abbiamo verificato l'impatto di tale tecnologia con le cosiddette carte creative. Nonostante la regola sconsigli tale approccio lo abbiamo voluto provare e ci siamo trovati letteralmente davanti a un serendipity.

Leggi tutto

R&S con l'inchiostro Silver

Il colore dei corpi percepito dal nostro occhio è quella parte di onde elettromagnetiche (luce) che, colpito il corpo stesso, non sono assorbite ma vengono riflesse. Se il corpo le riflette tutte vedremo il bianco (o meglio il colore della fonte luminosa), meno ne riflette e più apparirà scuro, colorato in base alle onde riflesse.
Il nero è assenza di riflessione. Ma, come per il bianco, di neri ce ne sono tanti e dipende pure qui dalla luce incidente e da quella riflessa.

Nei metalli la riflessione assume aspetti particolari. Negli specchi, il cui materiale riflettente è l'argento o l'alluminio, vi è la riflessione totale e quindi possiamo vedere la stessa immagine (così come può avvenire su una superficie di acqua ferma). Se la riflessione è diffusa abbiamo invece altri fenomeni. Quello che nei corpi non metallici diventa percezione di colore, nei metalli assume una particolare proprietà di lucentezza percepita.

Leggi tutto

carte riciclate - 7 proposte corGae

7 carte riciclate per stampe che rispettano l’ambiente

La carta è una risorsa importantissima perché naturale, biodegradabile, compostabile, riciclabile, rinnovabile e può essere riutilizzata fino a sette volte senza perdere in modo sostanziale le sue principali proprietà.
Proprio per questo motivo, nel mondo della grafica e della stampa, le carte riciclate sono supporti ‘speciali’ che rientrano nel ciclo produttivo come materia prima seconda e si pongono come valide alternative ai supporti prodotti dalle cartiere con fibre di cellulosa vergine.

Leggi tutto

Novità: inchiostro Silver per colori metallizzati

Durante le ferie non ci siamo fermati del tutto! Abbiamo installato l'inchiostro Silver sul sistema di stampa digitale HP Indigo 7600 che è stata anche aggiornata a 7900: ora non lavora più in densitometria ma in colorimetria, modalità molto più vicino alla nostra cultura originale da fotolito. È un passaggio importante per una macchina in formato A3+ che non può mancare in un'azienda digitale totale, ma che stava per essere cannibalizzata dalla "sorella" maggiore in formato B2.

Leggi tutto

Come aumentare il gamut aggiungendo inchiostri: pentacromia, esacromia, eptacromia

La consapevolezza, da parte del grande pubblico anche mediamente professionalizzato, che un'immagine stampata, soprattutto se in una pubblicazione di pregio, non sia in grado di rappresentare correttamente i colori è conquista recente. A nostro giudizio nasce nel momento in cui i grafici e i fotografi hanno cominciato a fare post produzione dei loro scatti digitali.

Prima l'immagine andava in fotolito e poco si sapeva dei limiti di una conversione da un ampio spazio RGB ad un angusto spazio CMYK.
È solo quando grafici e fotografi hanno cominciato a convertire immagini con cieli azzurri, zone violette o sature di arancio o di verde che vi è stata la percezione consapevole dei limiti della stampa rispetto ai colori.

Leggi tutto

La storia degli scanner cosiddetti CMYK e l'avvento degli ICC

Qualche decennio fa chi faceva fotolito non conosceva l'RGB. C'erano dei super scanner dal costo proibitivo che, si sosteneva, "lavoravano esclusivamente" in CMYK. Quello che usciva da quelle macchine era praticamente insindacabile, non fosse altro che il prezzo dell'attrezzatura incuteva rispetto a prescindere.
La qualità della riproduzione era dovuta a un mix di ottica, meccanica ma, soprattutto, separazione (da RGB a quadricromia, quindi non è vero che lavoravano solo in CMYK). Le grandi case: Crosfield, Hell, Dainippon, ecc. si contendevano la qualità che era principalmente la modalità di separazione. Cioè un "semplice" ICC ante litteram, che oggi otteniamo gratuitamente da mille fonti.

Leggi tutto

Perché scegliere la stampa digitale HP Indigo

Le esclusive tecnologie digitali di HP Indigo, l’avanzata gestione del colore e gli inchiostri liquidi ad alta coprenza, rendono i risultati di stampa digitale HP Indigo decisamente superiori rispetto ai sistemi dry toner e a getto d’inchiostro (inkjet).

I risultati percepiti dal nostro occhio – oltretutto misurabili – sono comparabili alla qualità della stampa offset tradizionale, e in alcuni casi, persino superiori.

Leggi tutto

Progettare la filiera prestampa/stampa attraverso un PDF standard adeguato

L'argomento è molto complesso e l'articolo vuole dare una risposta ai tanti misunderstanding della filiera nella quale molti si sentono vittima di inefficienze di cui sono spesso loro stessi causa. Eppure basterebbe che ognuno facesse quello che gli compete e tutto sarebbe più semplice e certo. La tecnologia unita alle buone pratiche hanno dato una risposta a tutto (o quasi), ma è previsto che ognuno faccia la propria parte, cosa che non si verifica ancora a sufficienza. È soprattutto una mancanza di informazioni, mai date dalla scuola, che trascina in un groviglio di lamentele quasi tutti gli attori della filiera che preferiscono lamentarsi delle inefficienze altrui, a monte o a valle, piuttosto che imparare a fare la loro parte.
Non si capirebbe altrimenti il motivo di tante incomprensioni quando basterebbe che i grafici generassero PDF/X consapevoli e gli stampatori allineassero i loro impianti agli standard.

Leggi tutto